Archivi tag: scandalo

Ogni tanto…

… vale la pena ricordare da chi siamo governati.

L’avvenimento non é dell’altro giorno, ma, tuttavia, é attualissimo come non mai.


Ovviamente, il discorso dell’ironia… Si commenta da solo.
Senza contare l’elogio da pizza e mandolino che ha fatto dell’Italia: peggio delle peggiori raffigurazioni di un’Italia da operetta. Sorvolando sulle critiche che le sue emittenti televisive (almeno lo ha ammesso che siano sue) gli rivolgerebbero: ha ragione, basta seguire il TG4.
Grazie dottor Berlusconi, per aver con onorevolezza, diligenza, nobiltà e raffinatezza, parlato pure a mio nome in quella sede così importante.
Grazie.
E, mi permetta di aggiungere una cosa: si vergogni, se ha ancora una cognizione del significato della parola vergogna.
Del resto, i risultati da lei conseguiti col suo “governo”, sono sotto gli occhi di tutti.
E, notizia dell’ultima ora, il suo consenso crolla inesorabilmente.

Revisionismo senza scrupoli

Mentre si consuma la squallida storia di Alitalia, gestita in maniera vergognosa ed ignobile da questo governucolo di affaristi senza scrupoli (quando Air France, in carica il Governo Prodi, fece la sua offerta, tutti si stracciarono le vesti e adesso noi tutti pagheremo di tasca nostra con le nostre tasse le casse integrazioni e i debiti per milioni e milioni di euro e con buona pace dei precari), dalle pagine di Repubblica.it leggo  che un esponente del nuovo PSI ha avuto il coraggio di presentare una proposta di legge a dir poco scandalosa ed ignominiosa: equiparare repubblichini a partigiani e deportati

Già il fatto che a presentare una simile proposta sia qualcuno che afferma di discendere da quel PSI che con la lotta antifascista ebbe a pagare un alto prezzo in sangue, é a dir poco osceno (del resto che il nuovo PSI stia dalla parte del centrodestra la dice lunga – povero Nenni)…

Ma arrivare solo a pensare di far passare una simile vergogna é indice di quanto l’arroganza di certi figuri stia pezzo dopo pezzo demolendo anche le fondamenta storiche della nostra Repubblica e della nostra Costituzione a colpi di maggioranza…

Non so davvero, di questo passo, dove si andrà a finire…