Archivi tag: libertà

Considerazioni…

Guarda, il fatto non è che ci sia il busto di Mussolini in casa di certi loschi figuri che ci governano.
Il problema, enorme, è che Berlusconi sia andato al potere solo ed esclusivamente per un fine: evitare la galera. Per il resto non gliene frega nulla né di pensiero libero né di libertà. Lui pensa solo a sé stesso e a come pararsi il posteriore. Non è un caso che sia entrato in politica (guarda caso), non appena l’inchiesta di mani pulite aveva volto lo sguardo su di lui. Perché questa è la realtà storica: non lo dice Repubblica, né il Corriere, non lo dice Di Pietro, e neppure la sinistra. Lo dicono i verbali di indagine e le carte processuali. Le date, signori miei, sono quelle. C’è poco da fare. Altro che magistrati che lo hanno perseguito perché lui è entrato in politica. E’ l’esatto contrario. Carte alla mano signori. Carte alla mano. Berlusconi era sotto osservazione da ben prima che parlasse di entrare in politica. Eppure… Buona parte della gente è convinta del contrario e ha pure cancellato la memoria…
Quello su cui ha gioco perverso Berlusconi, è il fatto (da buon piduista) che avendo in mano quasi tutti i mezzi di informazione di massa immediata (che sono le TV e non i giornali), ha condotto una campagna di mistificazione lunga quasi vent’anni. In questo sì: è come ai tempi del fascio. Lì c’era il MinCulPop, qui la TV. E’ come la favola di Andreotti innocente: le carte processuali parlano chiaro. Il gobbo d’Italia non è innocente. Non è stato condannato non perché prosciolto, ma per prescrizione dei termini e per insufficienza di prove. L’assoluzione piena lui non la ha mai avuta. Anzi: risulta che lui abbia commesso vari reati… Peccato fossero prescritti, ormai. Eppure, nonostante gli atti processuali dicano una cosa… Si continua a credere agli asini che volano…
Aggiungi a questo il trasformismo politico dei vecchi democristiani (abituati da decenni a seguire il vento) e che pure un certo Bossi ha imparato molto bene (primo cecchino che lo definiva mafioso, piduista, malavitoso, malfattore, ecc. ecc. per poi diventarne il principale leccaculo in nome della padania) e il gioco è fatto.
Questo non è un ritorno al fascismo: i fascisti convinti non sono al governo (e poi guarda Fini). No, è qualcosa di peggiore, di strisciante, di elusivo. Qualcosa che fa breccia nelle paure ataviche della gente, che ne sfrutta l’ignoranza con una sapiente e continua mistificazione della realtà. Possibilmente qui io, tu e altri, ragioniamo e ci indigniamo semplicemente perché abbiamo spento la TV e acceso il cervello. E’ come con gli stranieri. Straniero=ladro/delinquente/assassino. E che è, ma tutti si sono dimenticati di com’era criminale e violenta la Milano o la Roma degli anni ’70? Qualcuno mi dica se era colpa degli stranieri… O se era solo colpa dei terroristi. Film definiti trash come quelli di Maurizio Merli avevano un ben definito background. Eppure… In TV passano le favole… E la gente a bocca aperta: “Oooooh!”. Del resto, guarda, se un Corona viene invitato nelle discoteche come ospite d’onore e la gente paga per vedere sto’ gran cojone, è perché in TV vuoi o non vuoi passa sempre. E non solo: passa per il macho signoriiopossotuttosucchiatemelo che si permette il peggio e viene trattato come un birichino vivacello che, in fondo, non ha fatto male a nessuno. Ed ecco creato un altro simbolo di nullità. E come la gente continua a non vedere chi sia Berlusconi veramente (non è che, poi, ci voglia tanto: basta guardare ai risultati di un governo autoreferenziale e del tutto schizofrenico), allo stesso modo Corona passa per eroe. E se Marrazzo è un porco, lui che scopa in spiaggia con la Rodriguez è un macho. E Berlusconi che va a puttane e fa il moralista pro-famiglia al governo è normale. Ti rendi conto a che livelli siamo?
Qui le armi sarebbero inutili. Sarebbero così bravi da presentarsi come martiri… 
E allora sì, potremmo davvero espatriare definitivamente.

Ora come da sempre…

Sono stato sempre uno sporco comunistarossomangiabambini, ma, da comunista, sono fedele ad un insegnamento del buon vecchio Vlad Ilic Lenin: “Un popolo che ne opprime un altro, non può essere libero.” E allora, che si straccino pure le vesti i duri e puri, gli stalinomaoisti della vecchia ora che vagheggiavano il paradiso in URSS e in Cina. Sono con i tibetani in queste ore. Perché ovunque ci sia repressione, i miei ideali vengono calpestati con ferocia.

Il giorno dopo

Si, oggi é il giorno dopo. Sembra incredibile, ma dopo sette anni, questo é il giorno dopo.

Per mille motivi diversi: perché oggi non mi sento male, né nervoso, anzi mi sento meglio e più leggero. Non avverto una presenza che manca, ma un onere in meno da gestire (un onere pesante). Non ho voglia di fumare per dimenticare. Né di bere. Non fumo dal 7 febbraio scorso e, in altri tempi, a quest’ora avrei fumato, invece, due pacchetti e mezzo al giorno di Luckies.

Mi sento deciso e convinto più che mai. Dopo un mese passato a guardare, in attesa di eventi, rendendomi conto che il mio interesse era già scemato di parecchio, oggi mi rendo conto che quel mio interesse é paragonabile a quello che potrei avere per qualcosa di secondaria importanza, di inessenziale.

Si, sembrano le belle parole e i buoni propositi di qualcuno che stia male dentro. E, invece, posso affermare che stavolta vedo tutto diversamente. Mi sento diverso. Agisco e sento in maniera diversa. E, non solo. In passato in questi frangenti, preparavo il terreno da subito per lasciare aperta la porta. Stavolta l’ho chiusa e la chiave l’ho gettata dalla finestra.

BENVENUTA LIBERTA’!