Archivi tag: catania

RomeCamp2008 – III

Riflettendo sul fatto che partiamo tutti più o meno dallo stesso posto, per andare a prendere parte ad un evento che si preannuncia più che interessante, ho pensato che un incontrino prima della partenza tra noi blogger non sarebbe stata una cattiva idea.

E così, dopo una breve twitter-messengerata, ho buttato giù l’idea.

Un incontro preliminare tra tutti i blogger, quelli che partono e quelli che restano, per portare a Roma un nostro contributo comune. Un’idea, un messaggio, una proposta, anche un semplice saluto.

Ecco allora che ha preso forma l’idea di una blogcena, la CuSemublogcena. Perché la cena? Oziosa domanda da non siciliani, evidentemente: considerata la vita notturna dei più, la cena é il momento migliore per tutti. Perché un incontro conviviale (usiamo il parolone, dai!)? Carusi, si parla meglio davanti al piatto pieno. Non solo, comodamente e serenamente. Perché cu semu? Ppi sapiri cu semu a Roma!

Allora per tutti l’invito é per il 17 Novembre 2008 (orientativo), alle ore 20.00, luogo da definire. I partecipanti sono invitati ad iscriversi qui.

Quella P… chiamata Catania.


Io sono diventato profondamente catanese, i miei figli sono nati e cresciuti a Catania, qui ho i miei pochissimi amici ed i molti nemici, in questa città ho patito tutti i miei dolori di uomo, le ansie, i dubbi, ed anche goduto la mia parte di felicità umana. Io amo questa città con un rapporto sentimentale preciso: quello che può avere un uomo che si é innamorato perdutamente di una puttana, e non può farci niente, é volgare, sporca, traditrice, si concede per denaro a chicchessia, é oscena, menzognera, volgare, prepotente, e però é anche ridente, allegra, violenta, conosce tutti i trucchi e i vizi dell’amore e glieli fa assaporare, poi scappa subito via con un altro; egli dovrebbe prenderla mille volte a calci in faccia, sputarle addosso “al diavolo, zoccola!”, ma il solo pensiero di abbandonarla gli riempie l’animo di oscurità.


 Giuseppe Fava – I Siciliani, 1980