Archivi categoria: giustizia

Nessuna bandiera

Parigi è una città che adoro, che raggiungo ogni volta sia possibile, in cui tornerei e ritornerei senza mai annoiarmi.

Ma non metterò una bandiera francese sul mio profilo, dopo la strage del 13 novembre.

Perché per me non ci sono morti che siano più uguali di altri morti.

Perché per me esistono persone che muoiono ovunque nel mondo, ogni giorno, per violenza, per fame, per malattie, per guerra, per odio, per disperazione.

E tutte queste persone hanno la stessa identica dignità dei 129 morti francesi. Meritano la stessa identica memoria. Meritano la stessa identica necessità di scandalizzarsi. Meritano la stessa identica sensazione di raccapriccio. Meritano lo stesso identico rispetto.

Non metterò una bandiera per ricordare solo quei morti di Parigi. Perché il mio compito, il compito di ogni persona libera di questo mondo è di ricordare tutti i morti di questo mondo.

Non posso scandalizzarmi per le morti in casa e ignorare le morti che per le stesse identiche ragioni avvengono in tutto il resto del mondo. Perché pure quei morti erano persone, come me, come noi, con pensieri, sogni, aspirazioni, una vita e la voglia di viverla.

Non metterò una bandiera francese sul mio profilo per puro rispetto. Anche di quei morti francesi, morti senza colpa alcuna. I morti non hanno colore, non hanno bandiera. I morti son morti e per ogni morte che avviene, in qualsiasi angolo del mondo avvenga, abbiamo solo subito una sconfitta: questo mondo ha bisogno di pace, di pari diritti e dignità.

Sono ateo, ma mi sento molto meno ipocrita di tanti bravi cristiani che guardano in casa propria e non ascoltano le grida che giungono dal mondo esterno. Parafrasando un testo caro ai cristiani, avremmo tutti bisogno di aprire gli occhi, di non guardare solo alla pagliuzza nell’occhio del nostro fratello, ma di rimuovere la trave che occulta la nostra vista.

 

Metti i cafoni alle isituzioni…

10:04  Gasparri: “La Consulta sezione di partito di sinistra”

a Corte Costituzionale ”da ieri non e’ piu’ un organo di garanzia”, ”ha ingannato il Capo dello Stato facendo una scelta gravissima”. Insomma, ”ci troviamo di fronte ad una Corte Costituzionale che e’ una sezione di partito di sinistra”. Lo ha detto il presidente del gruppo Pdl al Senato Maurizio Gasparri, intervenendo a ‘La Telefonata’ su Canale 5.


09:05  Gasparri: “Consulta occupata da militanti di parte”

“C’è un’occupazione politica della Corte costituzionale, un vulnus. La Corte è occupata da militanti di parte”. Lo ha detto il capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, nel programma “Mattino Cinque”.


08:45  Berlusconi: “Meno male che Silvio c’è, se no Paese alle sinistre”

“Per fortuna che Silvio c’è, altrimenti il Paese sarebbe nelle mani della sinistra” che “usa il potere giudiziario ai fini di lotta politica”. Lo ha detto Silvio Berlusconi al Gr1 Rai. Il premier è tornato ad attaccare la stampa: “E’ tutta di sinistra con in testa ‘Repubblica’ e gli altri giornali”; la sinistra, ha aggiunto il prmeier, “ha tutti i programmi di approfondimento politico con la tv pubblica”. (cfr. Porta a Porta, ndr)


08:31  Berlusconi: “Napolitano è di sinistra”

“C’è un capo dello Stato di sinistra e c’è una Corte Costituzionale con undici giudici di sinistra che non è certamente un organo di garanzia, ma è un organo politico come si è visto in questa occasione”. Lo afferma il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, al Gr Rai. Su Napolitano il premier aggiunge: “E’ stato eletto da una maggioranza di sinistra che non è più maggioranza nel Paese, e ha le radici della sua storia nella sinistra. Credo che anche l’ultimo atto di nomina di un magistrato della Corte dimostri da che parte sta”



Tratte da repubblica.it, corriere.it e confermate da altre fonti, ecco il must delle dichiarazioni di Berlusconi e di uno dei suoi lacché più unti, a seguito della bocciatura del Lodo Alfano da parte dei Giudici della Corte Costituzionale…

A dimostrazione del fatto che il rispetto per le istituzioni, per certa gente, non prescinde dall’opportunismo. Ci date ragione? Bene. No? Allora siete screditati. La Corte Costituzionale, signori. Il Presidente della Repubblica… Se non è eversione questa, allora cosa dovrebbe esserlo?

Mi ricorda la politica di qualcuno, un coglione dalla testa pelata che fece un certo discorso del Bivacco alcuni decenni fa’… Bontà sua si è visto che fine abbia fatto…

complotto internazionale…

Oramai, il povero signor B. non ha più dove voltarsi.

I comunisti complottisti sono ovunque!

Tra le fila del Vaticano (L’Avvenire, Famiglia Cristiana), nel Mondo (Times, Huffington Post, The Guardian, The Observer, La Tribune de Genève, Le Soir, Le Figaro, Le Monde, Libération, La dernière heure, New York Times, ABC News, Christian Science Monitor, El Pais., El Diario Montanes, Reuters, El Clarìn, Der TagesSpiegel, Die Welt, Suddeutsche Zeitung, Bild, De Telegraaf, De VolksKrant), senza contare tra i giornali italiani (repubblica.it, su tutti).

Da tutti riceve critiche su critiche e accuse neppure tanto velate di falsità.

Oh poverino… Ma guarda té, ha tutti contro.

Aggiungiamo pure il Parlamento stesso, data l’incapacità manifesta finora dimostrata nell’arte del governare con Camera e Senato tutti dalla sua parte (con maggioranze bulgare oserei dire)?

Forse arriverà il giorno in cui anche lì, il caro signor B., dirà che è un covo di comunisti…

Ma mi faccia il piacere! Patetico affabulatore e manipolatore.


Quando ti ho conosciuto, pensavo tu fossi una persona per bene…

Negli anni, ho visto sgretolarsi quella parvenza di perbenismo ipocrita che avevi, dietro a cui si celava lo Schifo…

Adesso, te lo posso dire e te lo ripeterò in viso, se mai dovessi avere la sfortuna di incrociare nuovamente il mio cammino col tuo:

VERGOGNA! SEI SENZA ONORE!

Fà solo in modo da rendere le cose difficili e, te lo scrivo qui, in pubblico: sarò il tuo peggiore, implacabile giustiziere.

Fermate questo sconsiderato!

15:47 Berlusconi ha detto: “Se non ci fosse la possibilità di ricorrere ai decreti tornerei dal popolo a chiedere il cambiamento della Costituzione e del governo”

fonte: repubblica.it

Questo figuro calpesta la dignità del Presidente della Repubblica, calpesta la dignità del Parlamento che considera come una personale proprietà, offende la Costituzione della Repubblica. Ma vogliamo svegliarci??

Vaffanculo!

Posso dirlo vaffanculo?

NO?

Credo che, sicuramente, dopo aver visto questo, sarà il comune pensiero di tante persone dotate di un cervello funzionante e di un cuore.

Vergogna al papa che ha riabilitato una simile merda umana. Vergogna!